Unghie Gel: tutto quello che c’è da sapere!

Il trattamento delle unghie in gel rappresenta un’alternativa più resistente e duratura rispetto alla manicure con smalto classico.
Inoltre, integrando delle unghie in gel con le meravigliose decorazioni realizzabili attraverso la tecnica della nail art, è possibile ottenere unghie particolari e perfette per ogni occasione.
Sempre più donne decidono di affidarsi a questo nuovo trattamento con l’obiettivo di mantenere le proprie mani sempre curate e perfette. Scopri tutto quello che c’è da sapere sulle unghie in gel!

Unghie gel: a quale scopo?

L’applicazione delle unghie gel può essere realizzata mediante differenti metodologie e per differenti esigenze. A quale scopo si realizza un trattamento di unghi gel?
A seconda delle necessità esso potrà servire:
  • semplicemente per abbellire le unghie naturali;
  • oppure per ricostruire delle unghie rovinate. Questa soluzione è ottimale per tutte coloro che hanno unghie deboli, corte o soffrono di onicofagia.

Vantaggi delle unghie in gel

I vantaggi delle unghie in gel sono molteplici:
  • la ricostruzione delle unghie in gel è innanzitutto più resistente di un normale smalto;
  • dura circa un mese in più rispetto a quella di tipo tradizionale;
  • infine uno dei più grandi punti di forza delle unghie in gel è da ricercare nel risultato estremamente naturale che si discosta completamente dall’effetto prodotto da un unghia finta.

Il trattamento avviene mediante l’applicazione di un materiale resistente e personalizzabile che viene applicato in più strati e polimerizzato grazie all’ausilio di lampade ad ultravioletti o a LED.

Il costo di un trattamento per unghie in gel può variare in base al tipo di personalizzazione richiesta o al lavoro che occorre, ma in generale la semplice applicazione del gel su unghie naturali avrà sempre un prezzo ridotto rispetto alla ricostruzione o allungamento.

Colori e decorazioni

Sia che si tratti di ricostruzione o di una semplice applicazione gel, come già accennato in precedenza, è possibile arricchire in maniera creativa le proprie unghie modificandone spesso l’aspetto per renderlo adatto ad ogni occasione.
Ecco di seguito alcune colorazione ed applicazioni maggiormente utilizzate dai saloni di bellezza che si occupano di unghie in gel:
  •  Il rosso: rappresenta una colorazione sempre alla moda ed adatta alle occasioni più raffinate. E’ possibile sperimentare ed aggiungere al semplice smalto rosso in gel smalti dorati o argentati in modo tale da donare un effetto ludico finale. Per rendere ancora più particolare il risultato è possibile abbinare altri colori in modo da intervallare le colorazioni. Con il rosso gli abbinamenti prefetti potrebbero essere il fucsia o il rosa. Una decorazione con la tecnica della nail art donerebbe il tocco finale; 
  •  Tra le colorazioni più in voga è impossibile non citare gli smalti gel glitterati. Lo smalto gel glitterato dona una luminosità sorprendente. E’ molto indicato per le occasioni speciali;
  • Sempre più di tendenza sono poi le unghie in gel con applicazioni come pietre o brillantini trasparenti. Sono ormai di moda applicazioni sempre più particolari che vanno totalmente in contro alle esigenze di creatività delle donne. Sono infatti disponibili in commercio decorazioni per nail art delle tipologie più disparate. Dagli animali, alle stelline e la frutta, fino ad arrivare a decorazioni prettamente natalizie. Insomma con le applicazioni per nail art è possibile dare libero sfogo alla fantasia e personalizzare a proprio piacimento le unghie.
Quelli appena elencati ovviamente sono solo alcune delle tantissime varianti realizzabili con la tecnica delle unghie in gel. Un salone di bellezza o un centro estetico saranno sicuramente in grado di indicare il trattamento e le personalizzazioni più adatte alle esigenze delle proprie clienti.

Aspetti tecnici

Torniamo ad occuparci di alcuni aspetti tecnici e cerchiamo di capire quanto a lungo l’applicazione in gel può permanere sulle unghie.
La prima regola da ricordare è che le unghie non dovrebbero essere coperte per un periodo troppo lungo, seppure, im realtà, non esista un limite di tempo prestabilito.
Bisogna tenere bene a mente alcuni punti:
  • Per prima cosa è opportuno ricorrere ad un trattamento in gel solo se le unghie sono in salute. In caso contrario ed in presenza di unghie rovinate è necessario curarle prima di sottoporsi ad un’applicazione in gel. Ad esempio applicare il gel su unghie già trattate con un smalto curativo potrebbe amplificare ed aggravare la situazione. Rivolgetevi ad una professionista per farvi consultare al meglio;
  • Molto dipenderà anche dalla qualità dei prodotti utilizzati. Prodotti di qualità possono permanere più a lungo sull’unghia;
  • L’ideale sarebbe sospendere il trattamento dopo ogni tre/quattro mesi di applicazione. Nel periodo di pausa è consigliabile curare le unghie e le mani, nutrendole e rinforzandole con cure mirate e maschere e impacchi per le mani (scopri come avere mani sempre perfette);
  • Per coloro che soffrono di onicofagia (scopri perché ci si mangia le unghie e come smettere) il trattamento in gel può rappresentare una vera e propria soluzione al problema. In presenza del gel infatti, diventa praticamente impossibile mangiare le unghie.
La tecnica di applicazione delle unghie in gel sia che miri alla ricostruzione, all’allungamento o semplicemente a decorare delle unghie naturali è una tecnica più complessa rispetto a quelle tradizioni. Anche la rimozione del gel richiede modalità e strumenti differenti. Non bastano infatti i normali solventi utilizzati per gli smalti standard.

Tipologie di gel

In commercio esistono molte tipologie di gel. Ognuno di esse è adatto ad uno specifico trattamento. Esistono ad esempio gel monofasici o gel trifasici (scopri quali sono le principali differenze e come utilizzarli) che, come indicano i rispettivi nomi, si differenziano per il numero di fasi d’applicazione di cui necessitano.
I gel UV una volta applicati sull’unghia devono essere catalizzati mediante una lampada a raggi ultravioletti. Questo passaggio aiuta il gel a fissarsi. Tutte le colorazioni, anche quelle glitterate, sono disponibili in versione gel UV.
I gel trifasici invece, come accennato in precedenza, sono kit utilizzati per la ricostruzione unghie composti da tre smalti di tipologie differenti:
  •  il gel di base trasparente necessita di essere catalizzato in una lampada al ultravioletti per circa due minuti. E’ dotato di una consistenza molto particolare che lo rende estremamente fluido e facile da applicare sull’unghia naturale;
  • il gel builder ha il compito di donare un effetto curvato all’unghia e può essere applicato sia per allungare che per ricostruire le unghie;
  •  il gel sigillante è l’ultimo dei tre gel ed il suo scopo è quello di sigillare l’intero lavoro donando lucentezza all’unghia. Inoltre non necessita di alcuna lucidatura.
La ricostruzione unghie (scopri come fare una perfetta ricostruzione unghie in gel) può avvenire anche mediante l’utilizzo di un unico gel monofasico che dunque funge da base, costruttore e sigillante. Anche in questo caso esistono in commercio svariate tipologie di gel monofasici adatti ad assecondare le più svariate esigenze.
Eccone alcuni:
  •  gel monofasico brillante: dona lucentezza all’unghia è tra i prodotti più utilizzati;
  • gel monofasici anallergici: questa tipologia di gel monofasici sono ideali per tutte coloro che presentano allergie ed intolleranze ed è adatto anche per trattare le unghie più delicate e stressate.
Ti potrebbe interessare anche?  Ricostruzione unghie in gravidanza: cosa bisogna sapere

Alcuni materiali indispensabili per la manicure unghie in gel

Ecco altri materiali indispendabili per la manicure  delle unghie in gel:
  • Primer: utile per sgrassare l’unghia in fase preliminare. Applicare prima del gel;
  • Cleanser: prodotto che va utilizzato insieme a pad di cotone al fine di sgrassare l’unghia dopo la catalizzazione nella lampada ad UV;
  • Lampada ad UV;
  • Pennelli per l’applicazione del gel;
  • Buffer per opacizzare le superfici delle unghie;
  • Pad di ovatta per detergere l’unghia da ogni forma di residuo dopo ogni fase di lavorazione;
  • Tronchesine taglia tip;
  • Lime di differenti spessori per modellare il gel, o rifinire le tip o le sagome;
  •  Fresa, che aiuta a limare le unghie (lima o fresa, quale scegliere? Scoprilo qui).
Abbiamo a lungo trattato l’argomento ricostruzione e decorazione delle unghie in gel.
Ma se volessimo allungare o donare una nuova forme alle unghie?

Forma delle unghie in gel

Le ultimissime forme di unghie in gel sono davvero tante. Alcune sono pratiche ed adatte ad uno stile quotidiano. Altre invece sono sfarzose tanto da assomigliare a delle vere opere d’arte ma sono ideali da sfoggiare in occasioni specifiche e particolari. Insomma anche per quanto riguarda la forma da poter donare all’unghia è possibile spaziare con la fantasia. Un’estetista professionista per riuscire a rimanere aggiornata in merito a tutte le novità del settore è bene che svolga costantemente corsi di aggiornamento, al fine di apprendere passo passo le ultime novità del settore ed offrire un servizio più completo alla propria clientela.
Vediamo assieme quali sono alcune delle forme di unghie più diffuse, dalle più classiche alle più eccentriche:
  • L’unghia a stiletto: questa particolarissimo forma racchiude la sua principale caratteristica già nel suo nome. Lo stiletto è infatti un antico pugnale dalla lama lunga, fine e triangolare. L’unghia a stiletto si presenta proprio con questa forma. E’ stata ideata nei Paesi dell’est Europa dove è molto di moda. In Italia è utilizzata solo in occasioni particolari e non per un uso quotidiano. Eppure contrariamente a come potrebbe apparire, l’unghia a stiletto risulta essere molto comoda. Inoltre essendo in grado di creare un’ unghia lunga e fine è assolutamente indicata per tutte coloro che posseggono mani piccole e larghe;
  • L’unghia edge: la forma edge è ancora più particolare della precedente. E’ nata nel 2009 dalla creatività di un onico-tecnica ucraina. Il termine edge deriva dall’inglese e significa letteralmente spigolo. L’unghia edge si presenta per l’appunto spigolosa, con una punta triangolare che ricorda la forma caratteristica di un tetto;
  • L’unghia pipe: questa forma è nata in Russia dove è molto di moda. Lentamente anche il pubblico europeo sta iniziando ad apprezzarla. E’ una forma bombata ma molto lunga che presenta similitudini con lo stiletto dal quale differisce in quanto presenta una punta arrotondata.
Tutte le forme fin qui citate se decorate con la tecnica della nail art, sono in grado di produrre risultati sorprendenti.

Ricostruzione unghie in gel

A prescindere dalla forma scelta, l’allungamento dell’unghia dovrà essere effettuato mediante l’utilizzo di tip o cartine (scopri le differenze tra tip, cartine e come usarle).

  • Con l’uso delle tip viene applicata all’unghia naturale un materiale siliconico molto resistente agli urti.
  • Col secondo metodo (cartine) sarà l’estetista a creare la punta dell’unghia modellando il gel ed aiutandosi con una sagoma per definire al meglio la forma.
Ti potrebbe interessare anche?  Ricostruzione unghie in gel

Tip o cartine

Non esistono pro e contro dell’uno e dell’altra tecnica. Molto dipende dalle preferenze dell’onicotecnica e dai gusti delle clienti. Tuttavia esistono particolari circostanze che spingono necessariamente a scegliere una delle due tecniche di allungamento.
Nel caso di onicofagia l’unico metodo praticabile è quello con tip, in quanto l’unghia si presenta troppo consumata ed una ricostruzione con la sagoma sarebbe irrealizzabile, mancando totalmente il supporto su cui operare. La tecnica con tip necessita di unghie corte e perfettamente naturali. Qualora l’unghia da trattare dovesse essere spezzata in alcuni punti è preferibile scegliere il metodo con la sagoma per evitare di tagliare l’unghia naturale.