Smalto semipermanente

Smalto semipermanente: differenze con il gel

Cos’è lo smalto semipermanente? Qual è la differenza con il gel? Vi sono differenze di applicazione?

Per rispondere a tutte queste domande, dobbiamo prima di tutto specificare che, a differenza del gel, lo smalto semipermanente presenta alcune caratteristiche che possono indicare vantaggi ma anche svantaggi per le donne appassionate di ricostruzione unghie.

Prima di tutto, diciamo che lo smalto semipermanente non ha nulla a che vedere con la ricostruzione vera e propria, che invece viene effettuata con l’ausilio di tip o cartine e poi rinforzata con l’uso del gel: lo smalto semipermanente, infatti, è una via di mezzo tra lo smalto ed il gel e di quest’ultimo presenta solo alcune caratteristiche simili.

SMALTO SEMIPERMANENTE: COS’È?

Lo smalto semipermanente è un prodotto che possiamo trovare nello stesso formato dello smalto normale – quindi dotato di classico pennellino già presente nella confezione – e che possiamo trovare in ogni colore e sfumatura ci aggrada.

Questo prodotto, a differenza del gel, ha una durata minore sulle unghie (3 settimane contro 4 o 5 con il gel) ma nello stesso tempo comporta anche un vantaggio interessante per chi non ha voglia di fare il refill (limare le unghie fino allo strato naturale per poi passare uno strato nuovo di gel).

In genere, lo smalto semipermanente rappresenta il primo passaggio per tutte quelle donne che per la prima volta si avvicinano al mondo della ricostruzione unghie: il vantaggio è quello di provare un prodotto diverso (più duraturo e più spesso rispetto allo smalto) senza però avere lo svantaggio del gel che è quello di dover ricorrere ad una limatura dell’unghia per eliminare il corposo strato di prodotto.

SMALTO SEMIPERMANENTE: VANTAGGI E SVANTAGGI RISPETTO AL GEL

Le caratteristiche ‘visive’ dello smalto semipermanente non si discostano molto da quelle presentate dal gel: chi utilizza questo prodotto ha le mani belle e ordinate allo stesso modo di chi utilizza il gel, ma vi sono alcuni vantaggi (visibili o meno) che riguardano chi preferisce lo smalto semipermanente alla stesura del gel.

Il primo vantaggio rispetto alla ricostruzione unghie vera e propria consiste nella facilità e nella velocità di applicazione: infatti, il semipermanente si presenta a tutti gli effetti come uno smalto, e questo rende molto più semplice e veloce la sua applicazione sulle unghie. Anche se necessita anch’esso di polimerizzazione in lampada UV – esattamente come avviene per il gel – la sua applicazione è più veloce e si avvicina molto a quella dello smalto. Chi è abituato a passare lo smalto, quindi, non noterà molte differenze a parte il tempo di posa sotto la lampada UV.

Smalto semipermanenteL’altro vantaggio principale rispetto al gel è che esso può essere eliminato più facilmente: nel caso del gel, infatti, ci occorre una lima piuttosto dura ed il tempo di rimozione del gel è abbastanza lungo. Inoltre, se non si è particolarmente brave o esperte si può rischiare di rovinare l’unghia, e questo può essere un pericolo anche per quel che riguarda infezioni o funghi. Lo smalto semipermanente viene rimosso più facilmente – ci si può aiutare con la lima ma i tempi sono decisamente ridotti – perché lo strato è più sottile. Certo, questo potrebbe rappresentare anche uno svantaggio: infatti, rispetto al gel il semipermanente è meno resistente e duro – anche se lo è decisamente di più rispetto allo smalto normale – e questo caratterizza anche il fatto che abbia una durata minore e che tenda a rovinarsi prima rispetto all’applicazione del prodotto in gel.

La durata minore dello smalto semipermanente può essere uno svantaggio per chi vorrebbe avere le mani in ordine più a lungo (il gel dura 4 o 5 settimane in base alla ricrescita dell’unghia senza rovinarsi, a patto che sia applicato nella maniera corretta): non tutte amano ‘perdere tempo’ ogni 3 settimane per rinfrescare lo smalto, anche se questo è un problema che può essere facilmente aggirato. Il vantaggio è che, con un costo minore rispetto all’applicazione in gel, abbiamo la possibilità di cambiare aspetto alle nostre unghie più spesso, modificando colori e decorazioni senza spendere la cifra che spenderemmo con il gel.

Sostanzialmente non si può dire che sia meglio l’uno o l’altro: la decisione di scegliere lo smalto semipermanente o il gel è del tutto personale e va presa valutando i pro e i contro delle applicazioni e stabilendo quale si adatta meglio alle nostre aspettative ed esigenze.

Previous Post Next Post

Ti potrebbe interessare anche